IL GOVERNO INVESTE SULL’ ISTRUZIONE E IL COMUNE DI VILLORBA TOGLIE SERVIZI SCOLASTICI: SCUOLA SECONDARIA SENZA TRASPORTO SCOLASTICO

Per fortuna all’edilizia scolastica ci ha pensato il Governo Renzi con finanziamenti già stanziati per più di un milione e mezzo di euro ( Ampliamento della M.Polo di Villorba e messa a norma della De Amicis di Fontane) e altrettanti in arrivo per la palestra!.

Infatti mentre il Governo dà importanza alla scuola, il Comune di Villorba taglia servizi soclastici!

Grazie ai genitori e nonni, la crescita del numero di studenti che usufruiscono del pedibus è un successo, mentre la diminuzione del trasposto pubblico scolastico è un fallimento a cui l’Amministrazione Comunale non ha posto rimedio.

L’obiettivo del Comune non è solo “portare” gli alunni a scuola ma DARE UN SERVIZIO alle famiglie ed EDUCARE le nuove generazione al giusto utilizzo dei mezzi di trasposto.

Con il Pedibus gestito soprattutto dai genitori, i bambini fanno contemporaneamente educazione stradale ed ambientale, imparano l’importanza del sano movimento, di come ci si comporta in strada e dello stare assieme. Anche l’uso del trasporto pubblico è in sé un’educazione ambientale e sociale, se non altro perché evita l’uso di ogni singola auto; negli ultimi tre anni il numero degli studenti che usufruiscono del trasposto scolastico è invariato, certo c’è stato un calo rispetto al 2012-13 ma forse proprio per il costo troppo elevato dell’abbonamento.

Abituare i ragazzi a prendere l’autobus della MOM di per sé è positivo, ma il percorso dell’autobus di linea raggiunge poche strade del Comune, le fermate sono molto lontane tra di loro, e il costo dell’abbonamento è maggiore. Come faranno tutti e 60 i ragazzi ad andare a scuola? Molti abitano in vie non raggiunte dall’autobus pubblico!

Dopo la scoperta della truffa della ditta di trasporti, i costi si sono abbassati per l’Amministrazione, perché non si è pensato di diminuire il costo dell’abbonamento delle famiglie. Coi i soldi avanzati che cosa ha fatto il Sindaco a vantaggio degli studenti?!

Se la scelta è stata fatta, il PD chiede che questi futuri 50 mila euro di risparmio non siano tolti al diritto allo studio già molto penalizzato da questo Comune.

“In questi anni il Comune ha alzato il costo dei servizi scolastici (mensa e trasporto), ha risparmiato sui contributi per le Scuole Paritarie ma non ha mai aumentato il contributo all’offerta formativa della settore scolastico in genere. Secondo lei Segretario, per quale motivo il Sindaco vuole togliere un servizio a sessanta studenti? e facendolo, vuole sostituirlo con un altro servizio? Che tipo di servizio? E per chi?”

Non si conosce l’obiettivo dell’Amministrazione in merito a questa operazione di risparmio e già questo, professionalmente parlando, è una falla enorme. Se si decide di attuare un risparmio si deve già aver presente il nuovo e diverso investimento pubblico che si vuole concretizzare con la somma ricavata, se ciò non vien fatto un requisito di una buona pianificazione, viene già a cadere.

Inoltre non ritengo che l’Amministrazione abbia pensato a progetti sostitutivi a favore della comunità scolastica Villorbese, sennò come già detto, li avrebbe esposti assieme alla comunicazione del taglio del trasporto. Il trend della giunta Serena è sempre stato quello di innalzare i costi e non sviluppare i servizi nel settore scolastico e questo continuerà ad essere. Quando un’Amministrazione decide un percorso, è assai difficile che lo cambi, a meno che non rifletta in modo opportuno e doveroso dopo sollecitazioni come queste.

 

BELLIO ENRICO - Segretario PD VILLORBA Circolo “P.Callegari”